Menegus Michela

“Una sfilata di personaggi del mistero firmata da Giaretta”

“Una sfilata di personaggi del mistero firmata da Giaretta”

17/11/2014

Una sfilata di personaggi del mistero firmata da Giaretta

Nella sconsacrata chiesetta di Santa Lucia a Thiene ultimo appuntamento di Veneto Mistero dello scrittore vicentino

L’imminente chiusura della sesta edizione della rassegna regionale Veneto Spettacoli di Mistero non poteva non contemplare una performance da solista di un veterano del festival, Tommasino Giaretta, scrittore e giornalista vicentino, nonché uno degli autori veneti del mistero che continuano a donare linfa al festival con prose originali, concentrati di esperienze personali e recupero di letteratura orale.

La kermesse di “Femene e Omani da Brividi” è riconducibile a una parata di personaggi della mitologia del mistero tratti dai racconti editi ed inediti di Giaretta, il quale da oltre cinque anni ha rilanciato la moda del contastorie.

La passerella allestita per la soirée thienese non poteva non annoverare tra dei personaggi del mistero l’intramontabile omo invisibile, temibile personaggio dimorato presso il Ponte delle Strie tra Poianella e Bolzano Vicentino, che incarna nell’orrore delle sue fattezze e nelle sue nefandezze l’ancestrale paura dell’oscurità. Il senso del macabro è stilizzato poi nella figura del sagrestàn, personaggio vicino al sacro dalla mano deformata ed insidiosa, che entra nel modo più subdolo nella tranquilla routine di una comunità di campagna violando la religiosità della giassara e togliendole ogni notte quanto di più prezioso esiste al mondo: il latte … !

Ma Giaretta apre la sfilata sempre e comunque con l’elemento femmineo: porta perfino sul palco l’immancabile strega Bettina dagli oci storti, alias la vecchia più brutta e stramba del paese considerata da tutti una fattucchiera; la contadina lascia quindi il posto poi ad avvenente sconosciuta, la diavolessa generatrice di rovinosi e perniciosi fontanili di risorgiva. Il coup de théâtre finale tuttavia rimane la rappresentazione della parabola della morte: l’ultima entrata è infatti quella della dama in nero, la quale “sollevata appena da terra, avanza con grazia, fluttua con le movenze di una ballerina lasciandosi dietro il lungo strascico e la scia di un vago profumo di violetta”.

La passerella su cui Giaretta pone le sue creature a sfilare è un “green carpet”,  quella ormai mitica striscia di campagna veneta compresa tra l’alveo del Brenta e la fascia delle risorgive, dove le creature del mistero  sopravvissute nell’ immaginario collettivo figlio della Controriforma, assurgono a campioni di superstizione popolare.

Il tutto sarà on stage venerdì 21 novembre 2014 a partire dalle 20.45 nell’intima cornice dalla Galleria d’arte già Chiesetta di Santa Lucia di Thiene, in una serata letteraria organizzata da Elsa Marsilio dell’Associazione Le Mani e Michela Menegus. Ed in linea con la poetica di Giaretta e con lo spirito del festival, volti al recupero ed al memento ai posteri delle nostre più profonde radici, lo spirito della tradizione si condenserà nei nuovi panni de “La Proibita”, a fortificare gli animi dopo la performance letteraria.

Per saperne di più:

Veneto Spettacoli di Mistero: www.spettacolidimistero.it

Tommasino Giaretta: http://it.wikipedia.org/wiki/Tommasino_Giaretta

Associazione Le Mani: http://www.lemani.org/galleria1.htm

Michela Menegus:  http://www.menegusmichela.com

Distillerie Schiavo http://www.schiavograppa.com

Tommasino Giaretta

Tommasino Giaretta, scrittore italiano nato il 26 gennaio 1952 a Lanzè di Quinto Vicentino (VI) ivi tuttora residente. Insegnante e giornalista, è iscritto dal 1992 all’Ordine Nazionale dei Giornalisti, elenco Pubblicisti.  Collabora da oltre un ventennio con periodici locali, ma principalmente con il quotidiano Il Giornale di Vicenza e il mensile Realtà Vicentina. E’ Direttore Responsabile de Il Guado dell’Antico Mulino, periodico della Pro Loco di San Pietro in Gu (PD). Profondo conoscitore della realtà vicentina, Tommasino Giaretta narra in brevi racconti, intercalando la lingua italiana al dialetto vicentino, episodi di vita ordinaria e straordinaria ambientati nella campagna della provincia di Vicenza del dopoguerra, in un’epoca segnata dal tramonto della civiltà rurale e dal passaggio alla civiltà industriale. Alcuni dei suoi racconti sono stati adattati in commedie teatrali dove lo stesso scrittore è voce recitante, tra cui L’omo invisibile e altri misteri popolari. Ha al suo attivo cinque volumi di racconti (Storie in corte 2001, Storia Memoria 2003, Orapronobi 2005, Storie dell’altro mondo 2008, Il mondo di Tote, 2011), di cui ha venduto migliaia di copie, e significativi menzioni (Il fontanòn del diavolo – racconto Menzione speciale 2009 nell’ambito del Festival regionale Veneto Spettacoli di Mistero; “Il pensiero va a Pforzheim 5ª edizione Premio Letterario Nazionale ” Voci…Verdi” di Bassano del Grappa (VI) 2012 – Finalista pubblicato nell’Antologia del Concorso sezione prosa; Il mondo di Tote – IV classificato Premio Internet Una montagna di Libri Cortina d’Ampezzo 2012, “Pomeriggio d’estate” 7 ª   edizione Premio Letterario Nazionale ” Voci…Verdi” di Bassano del Grappa (VI) 2014).

Read more

“A tavola con le streghe di Castegnero”

“A tavola con le streghe di Castegnero”

01/11/2014

A tavola con le streghe di Castegnero

Tutto esaurito per i misteri dei sabba svelati dallo scrittore Tommasino Giaretta

A due settimane prima dell’evento già si registra il tutto esaurito per la cena letteraria Sabba-to di Mistero a Castegnero, evento inserito del calendario regionale Veneto Spettacoli di Mistero, che si terrà sabato 8 novembre presso la tenuta Il Rovere di Castegnero.

Organizzata dalla Pro loco di Castegnero con la consulenza della progettista territoriale Menegus Michela, la serata si prospetta assolutamente una novità nel panorama della tradizione letteraria dei Berici in quanto lo scrittore e giornalista Tommasino Giaretta rivelerà sottoforma di prosa i segreti dei luoghi delle streghe  tra la Grotta Murata e Valletta di Sant’Antonio, raccolti durante le sue escursioni naturalistiche e strappati ai ricordi di chi quelle storie continua a tramandarle oralmente.

L’attrazione letteraria, animata dallo stesso Giaretta, uno degli autori più rappresentativi del festival regionale, si innesta in una location più che suggestiva: la tenuta “Il Rovere”, raffinato casolare seicentesco immerso nel in un bosco di roveri, faggi e secolari ulivi che caratterizzano, unitamente ai ciliegi, il paesaggio tipico dei Colli di Castegnero.

Nell’impagabile contesto ambientale e architettonico, si consumeranno anche dei peccati di gola. Tra un racconto e l’altro, sarà servita una cena con i prodotti principi del territorio: le ciliegie DE.CO. di Castegnero e l’olio extravergine d’oliva D.O.P.. L’unione di questi due preziosi prodotti ha ispirato alla Pro loco di Castegnero un menu stagionale con altri pregevoli prodotti a km 0 come i funghi pioppini della vicina Costozza, i formaggi delle latterie locali, il miele dei Berici, e i prodotti DE.CO. come il radicchio di Asigliano e i vini del paese.

Il piacere della tavola sarà quindi in linea con l’importante proposta di intrattenimento: si sposerà con la poetica dello scrittore Giaretta e con il pathos della fisarmonica di Bruna Patera;  giocherà infine sul doppio registro linguistico della proposta letteraria della serata: la lingua italiana e il dialetto vicentino.

Ecco dunque svelati gli ingredienti di un successo annunciato!

 

VENETO Spettacoli di MISTERO 2014 – www.spettacolidimistero.it

Sabba-to di Mistero a Castegnero  - Cena letteraria -  Tenuta Il Rovere – Castegnero (Vicenza) Italia

Sabato 8 Novembre  2014 – ore 20

Per saperne di più:

Veneto Spettacoli di Mistero: www.spettacolidimistero.it

Pro loco di Castegnero: www.prolococastegnero.it

Tommasino Giaretta: http://it.wikipedia.org/wiki/Tommasino_Giaretta

Il Rovere: www.ilrovere.net

Read more

“Sta partendo il Sistema Turistico Tematico Ville Venete”

“Sta partendo il Sistema Turistico Tematico Ville Venete”

20/10/2014

Sta partendo il Sistema Turistico Tematico Ville Venete

Con la nuova legge regionale sul turismo Veneto (L.R.11) entro fine ottobre saranno ufficializzati tutti i nuovi Consorzi Turistici Tematici (STT) che andranno a sostituire i vecchi Consorzi Turistici Locali (STL). Uno dei tematismi designati dalla Regione Veneto raggruppa le grandi testimonianze storico-architettoniche della Serenissima Repubblica di Venezia, cioè quello delle Ville Venete, delle Città d’Arte, dei Borghi Storici, delle Città Murate e Sistemi Fortificati.
Il neonato Consorzio Ville Venete Sede con sede in Villa Ducale Riviera Martiri della Libertà, 75 a Dolo (Venezia) si propone pertanto di costituire un unico “ConsorzioVille Venete e Città d’Arte” per mettere in rete le affascinanti Ville Venete aperte al turismo, le Città d’Arte e le Città Murate.

Fa piacere constatare che dal lontano 2009, anno della mia contribuzione al primo progetto di marketing turistico “Utilizzo turistico sostenibile del patrimonio architettonico veneto – Piano di valorizzazione turistica delle Ville e delle dimore storiche venete” per la Regione Veneto nell’ambito della mia attività nel “Coordinamento Veneto delle Ville e Dimore Storiche” e anno della mia tesi di Master con Giulio Bellemo nelle quale si ipotizza un Sistema Turistico Regionale costruito sulle rete delle dimore storiche “Ville e dimore storiche del veneto. Un nuovo modello di sistema turistico interprovinciale” , con la nuova legge regionale l’idea di un ST regionale comincia a prender forma.

L’auspicio è che l’OM possa esser messo nelle condizioni di operare un’efficace governance, che non solo implica la creazione di una rete territoriale ma impone un’unica scelta per essere vincenti: strutturare un prodotto territoriale sinolo di impresa, cultura, territorio e turismo che abbandoni finalmente l’orizzonte miope di abusati itinerari e masticati pacchetti turistici.

Il tutto con rapida incisività e logica innovativa sia nei processi sia nel management perchè il mutato ambiente socio-economico-politico non ci concederà più di rimanere in stand-by per un nuovo quinquennio.

 

 

Read more

“Un castello di … mistero”

“Un castello di … mistero”

 

 

 

20/10/2014

Un castello di … mistero

L’anteprima del Festival regionale Veneto Mistero a Marostica tra anguane, spiriti, salbanei, diavoli, fantasmi tramandati da ospiti di eccezione.

Esistono diversi modi per raccontare un territorio e la serata del prossimo venerdì 24 ottobre ambientata nell’epica location del Castello Inferiore di Marostica “Mistero Live”, oltre ad essere un’anteprima del festival regionale Veneto Spettacoli di Mistero, rappresenta un’occasione imperdibile per fare un viaggio nel Veneto al di là della realtà.

L’evento, organizzato da Pro Marostica a Menegus Michela con il patrocinio del Comune di Marostica, riunisce un gruppo di studiosi e ricercatori del Mistero capeggiati da Alberto Toso Fei, scrittore veneziano di fama nazionale e direttore artistico del festival, i quali porteranno a spasso il pubblico nel tempo e in lungo ed in largo per il vicentino con le loro storie.

Protagonista principale immateriale delle narrazioni sarà l’acqua e non solo perché l’apripista Toso Fei traslerà con sé i suoi preziosi cammei letterari pescati dalla natìa laguna veneziana.

Sarà presente anche lo scrittore delle campagne delle Risorgive, Tommasino Giaretta, giornalista e scrittore riconosciuto come il depositario ed il cantore ante-litteram delle misteriose figure della mitologia popolare, il quale proporrà i misteri legati ai fontanili.

L’intelligenza intuitiva di Margherita Michelazzo, geografa,studiosa di antropologia e art performer, accompagnerà il pubblico in una dimensione dislocata tra la pedemontana marosticense e le pianure vicentine, tra la fluida consistenza delle anguane e la ragion critica di chi rinnega segreti arcani.

Le vie fluviali saranno seguite anche dagli scrittori ed esperti di favolistica Roberto Frison e Simone Cavallin, a cui va il merito di aver raccolto gli aneddoti e le meraviglie delle strade ciclabili della Valbrenta, i quali  delizieranno gli astanti con le digressioni su la Brenta e le alchimie ad essa correlate.

E se i due romanotti  Frison e Cavallin si spingono fino alla Valstagna, nell’oscurità del mistero e dell’acqua li supporterà nella narrazione lo speleologo Roberto Battiston, direttore dei Musei civici locali, che farà immergere gli ascoltatori nelle leggende di covoli delle grotte di Oliero con le fade della Valstagna.

Qualora  il pubblico pensasse alla fine di esser al riparo dalle fascinose insidie dal liquido mondo del mistero nel solido Castello inferiore di Marostica, ingannerebbe se stesso: i giovani ricercatori di Ghost Hunter Padova saranno presenti per spezzare ogni residua certezza con inquietanti rivelazioni circa le loro indagini in loco.

Lo spettacolo, rivolto ad un pubblico eterogeneo attento a cultura e tradizioni locali, vicino alla natura, amante dei paesaggi veneti, sarà l’occasione per affrontare una  piacevole saggio di storiografia alternativa  dei luoghi vicentini.

Mistero Live  Marostica (Vicenza) – Castello Inferiore – Venerdì 24 Ottobre 2014 – ore 21.00

INGRESSO GRATUITO fino ad esaurimento posti – Posti limitati
Organizzazione: Associazione Pro Marostica & Menegus Michela Info:  info@marosticascacchi.it – info@menegusmichela.com

Read more

“Il Gran Galà della Transumanza: una marcia enogastronomica tra tradizione e modernismo”

16/09/2014

“Il Gran Galà della Transumanza: una marcia enogastronomica tra tradizione e modernismo”

La 16a edizione della Festa della Transumanza, evento di rilievo regionale organizzato dalla Pro loco di Bressanvido, conoscerà dei momenti topici: l’arrivo della mandria più numerosa di Italia da Marcesina sull’Altipiano dei 7 Comuni a Bressanvido previsto per domenica 21 settembre e  la giornata dedicata alla ruralità di domenica 28 settembre, con il taglio della forma di formaggio da record ad opera di Latterie Vicentine presso il recente stabilimento di Bressanvido inaugurato giusto un anno fa.

Una delle novità dell’anno 2014 è l’istituzione di una mostra mercato straordinaria che si terrà nelle domeniche del 21 e del 28 settembre per volontà del Comune di Bressanvido: un percorso all’insegna del gusto e dell’arte lungo la strada del Vicerè – per l’occasione sarà chiusa al traffico veicolare- che collega Fattoria Pagiusco con lo stabilimento Latterie Vicentine.

La storica Villa Pagiusco, dimora rurale di Bressanvido messa a disposizione alla comunità della famiglia Pagiusco impegnata da decenni nella pratica della Transumanza unitamente al gruppo de I Transumanti, sarà teatro di due iniziative speciali in seno alla Transumanza. Domenica 28 settembre per tutto il giorno sarà animata da visite alla fattoria, dalla rievocazione dei mestieri di una volta e da un concorso canino e di dog agility. Per giovedì 25 settembre alle ore 20  invece, dopo il successo della prima edizione dello scorso anno, la Pro loco ed il Comune di Bressanvido hanno deciso di riproporre il Gran Galà della Transumanza, cena esclusiva con posti limitati che si svolgerà per l’appunto sotto i portici della cinquecentesca Villa Pagiusco.

Il Gran Galà della Transumanza 2014 sarà una serata che oscillerà tra la tradizione ed il modernismo culinario, ma sempre con un occhio di riguardo verso la variegata produzione casearia ed ittica delle Risorgive e dei prodotti tipici comunali rappresentati delle DE.CO. , non ultima proprio quella recente dei Gnocchi di Poianella.

I sapori della tradizione, desunti dai territori attraversati dalle mandria e dalle straordinarie aziende agroalimentari del Vicentino, saranno pertanto presentati con la disinvoltura informale ed iniziale del finger food e con accostamenti inediti: i distillati di Poli saranno i protagonisti azzardati dell’aperitivo di benvenuto; sfoglie e spezie esotiche immerse nello yogurt renderanno curiosi i preparati  di carne manzo; risorgive e montagne si incontreranno nelle morbidezze dei chicchi di riso; dolce e salato si sposeranno con frutta e formaggio; la tradizione enoica della Pedemontana della Cantina Beato Bartolomeo di Breganze si dispiegherà tra vitigni autoctoni ed internazionali.

Infine, a coronamento di questa marcia culinaria, sarà proposto il Dolce della Transumanza, interpretazione artistica rigorosamente in chiave veneta del cake design, e una doppia conclusione stilistica: l’innovativa grappa bio e le macerazioni di erbe evocative della storia del territorio montano  della Vaca Mora. A significare che la Transumanza nel 2014 può esser vissuta senza falsi nostalgici, recuperandone lo spirito di comunità e convivialità ma coniugandolo al gusto ed allo stile dei giorni attuali.

Event managent by Menegus Michela

Read more

“L’Arte in un’etichetta”

L’arte in un’etichetta …  ovvero quando una bottiglia diventa osmosi d’arte e di storie di vite …

Dal 29 marzo al 12 aprile 2014 le Soffitte della palladiana Villa Thiene a Quinto Vicentino sono state corredate da micro opere legate al mondo di quella nobile bevanda a cui i nostri avi  attribuivano il potere di  stimolare la fecondità artistica e la spinta di elevazione alla divinità.

La mostra in questione è la rassegna “L’arte in un’etichetta” di Giancarlo Riganelli, fondatore della condotta di Slow Food del Vicentino nel lontano 1986 quando Carlo Petrini seminava la filosofia di Slow Food nel circoli italiani di Arcigola, ha iniziato a collezionare etichette di bottiglie di vino fin dagli anni ’60. La sua passione ha oggi la forma di una collezione di 42 000 esemplari che egli periodicamente ha proposto in svariate sedi con mostre tematiche: “Le etichette dei vini italiani” con 8000 esemplari esposti alla Biblioteca La Vigna di Vicenza nel maggio 2007, “I fior di primavera” con 600 etichette esposte a Este nell’aprile del 2009, “La donna e il vino” con 900 esemplari esposti  alla Biblioteca La Vigna di Vicenza nel novembre 2011.

L’esposizione è stata commentata da Michela Menegus, specialista di prodotto territoriale e sommelier, la quale ha condotto anche la degustazione di due vini vicentini DOC: il garganega classico  della cantina Cavazza di Montebello e la novità del cabernet franc dell’azienda agricola  Mattiello di Costozza di Longare.

In un rapido excursus che ha abbracciato oltre 4000 anni storia – dalle anfore con iscrizioni degli Egizi e dei Romani, alle botti marcate ed anfore smaltate del Medioevo, all’arte della soffiatura del vetro in Europa fino alla prima produzione industriale delle bottiglie ad opera degli inglesi nel XVII secolo – si è ripercorso l’inizio della pratica dell’etichettatura, nata per esigenze puramente descrittive, con carte di pergamena manoscritte arrotolate, con targhe d’argento incise e attaccate al collo della bottiglia del XVIII secolo fino all’invenzione della litografia, della stampa in quadricomia, dell’offset e al taccheggio (rilievo dell’etichetta).

L’etichetta moderna come strumento di marketing e comunicazione nasce infatti  agli inizi del ‘900 con i motivi floreali e faunistici dello stile Liberty e attraverso le avanguardie artistiche, dopo essersi lasciata alle spalle stemmi, motivi di araldica e scene bucoliche di gusto ottocentesco. L’adozione di grafiche create appositamente da artisti viventi o immagini recuperate da artisti celebri del passato deriva dall’esigenza delle singole cantine di celebrare un anniversario e personaggi illustri, distinguere una specifica produzione,  trasferire la filosofia della pratica enologica, trasmettere i valori di un territorio, sostenere progetti di sostenibilità sociale, e, non ultimo, di fissare il forte temperamento di  un vino.

Tale è dunque il fascino potente con cui la bevanda divina avvolge chi vuole com-prenderla per rappresentarla che lo stesso Salvador Dalì, autore tra l’altro nel 1958 del painting per la riserva Château Mouton Rothshild, ha fortemente creduto che “i veri intenditori non bevono vino, ma degustano segreti. L’aurea creativa che avvolge la bottiglia come il campo di una dinamo genera quindi dei processi osmotici inversi: non di rado è accaduto che gli stessi artisti approcciatisi al vino per tradurlo figurativamente si siano trasformati in vignaioli, come Hauner ora ben posizionato tra i vigneti delle Isole Lipari.

Nella collezione di etichette artistiche di Riganelli, che a Villa Thiene contava 1103 etichette di bottiglie di vino con raffigurazioni di carattere artistico provenienti dalle regioni di Italia, ma anche da varie nazioni europee, dall’Australia, dalle Americhe e dalla Russia, si ritrovano diversi e celebri esempi di tutto ciò: delle etichette del produttore di Barolo Vietti che dagli anni ’70 tra i primi in Italia ha deciso di dedicare ai suoi vini delle etichette artistiche, alla rassegna delle etichette di Donna Fugata che attraverso le figure femminili e la mitologia esprime il calore e la storia di Sicilia, fino al progetto “Il vino della pace” della Cantina Produttori di Cormons che fa assurgere l’etichetta ad una summa integrata di arti: pittura, poesia e musica unite per un giorno vendemmiale senza confini geopolitici.

Perché come dice Machado “Il vino è talvolta una scala di sogno”: nell’ascesa ti puoi accomodare ad ogni gradino a gustarne un particolare di bellezza. A partire dell’etichetta.

Michela Menegus Paulin

Per soddisfare alcune curiosità:

http://www.donnafugata.it

http://www.vietti.com

http://www.chateau-mouton-rothschild.com/label-art

http://www.cormons.com

http://www.hauner.it

 

 

 

Read more

“AstrattaMente Reale”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

08/04/2014

AstrattaMente Reale

Recensione critica per la mostra personale del pittore vicentino Alessandro Beggio “AstrattaMente Reale” – 25 aprile 2014

Alessandro Beggio reclama la sua identità artistica sin dal lontano 1979 quando, iniziato al mondo dell’arte dal maestro Otello De Maria, si forma a contatto delle più significative espressioni artistiche del vicentino. Si stacca presto dalle iniziali esperienze figurative rivolgendosi all’astrattismo, forma espressiva più congeniale alla sua polivalente personalità.

Se il suo furor creativo prescinde quindi la rappresentazione oggettiva del Reale, la sua volontà di conoscere attraverso l’opera pittorica lo porta a sviluppare nel corso dei decenni un linguaggio pittorico immaginifico: Beggio apre così un percorso di epistemologia del dato reale condotto con una forma mentis giammai incatenata dalla figura, bensì ancorata dalla forma cromatica che oggi appare più calda rispetto alle prime algide produzioni.

La realtà di Beggio parte infatti dalla texture del quadro: macchie di colore materico nate in una piattaforma di incontro di tessuti, sabbie, polveri, velature rese con colori acrilici e graffiature che intersecano gli elementi della composizione in progress.

La scelta cromatica di base è prerogativa dell’artista; su di essa egli poi inizia il suo costrutto mediante un processo di associazioni sinestetiche. L’inizio della comunicazione avviene in prima battuta con l’accostamento inedito di tavolozze: prevalenza di varietà di grigio su cui stridono le tonalità ocra, su cui arridono i rosati, sui cui spazia il non-colore bianco, sui cui si impongono i toni verdi e blu. Le emozioni trasposte con luminosità e sollecitate con uno scarto mnemonico testimoniano con quanto vigore una forma pittorica possa diventare una narrazione paziente e persuasiva, marcata da messaggi subliminari e codici criptati.

Oggetto centrale dell’indagine rimane il paesaggio urbano, evoluzione delle architetture dei primordi, quasi sempre privato della figura ma non della presenza umana, quindi fortemente antropizzato: simulazioni di visioni a volo d’uccello, monoprospettive di agglomerati, porzioni di archeologia industriale, accessi rubati al tempo, strutture di ispirazione modernista, sono immagini scomposte e ricomposte, poi collegate organicamente da ponti stilizzati i quali assurgono a nessi mentali e scandiscono il ritmo delle storie dipinte di Beggio. E se talvolta  l’artista rompe il processo logico di indagine inserendo nella sua produzione elementi figurativi riconoscibili, essi per lo più sono riconducibili a volumi muliebri che egli rende con inattesa sensualità e di cui egli si serve per scandagliare il mondo dei sentimenti.

AstrattaMente Reale è pertanto una sintesi pittorica di conoscenza della realtà in cui Beggio saggia metodologie e condizioni per esprimere idee, senza tuttavia scivolare in una forma d’arte concettuale. Le sue pitture sono infine incubatori di concetti, se non di istanze sociali, che tuttavia non ne turbano la piacevolezza estetica ed il godimento.

Perché la spinta libertaria del nostro painter indipendente lascia sempre all’estimatore “il piacere e il tempo di vedere l’opera prima ancora di capirla”.

 

Michela Menegus Paulin

Read more